20 ottobre a Prozzolo: P. Damiano Puccini, missionario nei campi profughi in Libano

 

Mi chiamo Padre Damiano Puccini. Sono di Navacchio e nato a Pisa nel 1966.

Diventato sacerdote e religioso nel 1992 nei Padri della Madonna di Fatima.
Nel 2003 ho dato la disponibilità a recarmi in Libano La grande povertà che progressivamente si estendeva nella zona sud di Beirut a causa dei massacri precedenti (del 1976) e della guerra del 2006 tra Israele e Hezbollah, segnano ormai in maniera definitiva l’abbandono della prospettiva di un ritorno dei cristiani ad abitare in quella zona.

Davanti alla situazione nuova di miseria e di dispersione dei cristiani nel territorio e poi di contatto con i gruppi di profughi iracheni e siriani è maturata la scelta di dedicarsi totalmente ai più poveri nella chiesa locale maronita libanese, nella quale sono incardinato appartenendo ad una comunità di sacerdoti e laici che fin dall’inizio si sono dedicati al servizio dei più poveri nei cammini di condivisione del necessario con i poveri dei gruppi nemici per rendere visibile a tutti la pazienza cristiana ed il perdono.

Sosteniamo spiritualmente i volontari libanesi che rinunciando volentieri anche a un terzo condividono la gioia e i frutti materiali della loro rinuncia con i poveri, ora i 2 milioni di profughi della Siria dei quali 800 mila vivono nel fango e tra i rifiuti, coinvolgendo i poveri stessi nel distribuire e condividere cibo e medicine con bisognosi dei gruppi nemici per rendere visibile il perdono.

Alcuni video tratti da  YOUTUBE per conoscere meglio P. Damiano Puccini e la realtà in cui opera:


 

 


 

 


 



 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...